Mario il Bagnino

Poi è stata la volta di Mario il Bagnino, l'incarnazione perfetta del bugiardo incallito che pur di attirare l'attenzione racconta storie di vips e di vari salvataggi provvidenziali di cui si vanta davanti alla platea che incredula spesso interagisce con lui cercando di ridimensionare le sue sbruffonate e il suo tormentone per tutta risposta è: "Modestamente c'ho 'na determinata potenza nei bracci".
Mario vuole dipingersi come l'eroe di avventure estive che accadono al Bagno "Bagno Maria" situato nella mitica Versilia, di cui la "titolatrige" è la mal capitata Bige, musa ispiratrice del tormentone. "o' bige..che dige".

Simone

Nel panorama umano come non provare a dipingere un maldestro e cinico ragazzino, SIMONE, dispensatore, suo malgrado di guai e di scherzi dove è la famiglia ed i parenti tutti a farne le spese.

Merigo

Successivamente è stata la volta di Merigo, un ubriacone ingenuo e di infinita dolcezza, sempre accompagnato dalla sua inseparabile bicicletta.
Questo personaggio è nato in occasione del matrimonio di Walter Santillo e Paola Mastrolia , eravamo allo stesso tavolo io, Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni quando tra tutte le innumerevoli " Bischerate" che vennero fuori in quell'occasione io accenai il carattere e il modo di parlare di un soggetto, allora vivente del mio paese di adozione, ed immediatamente fui spinto a mettere a segno questo personaggio al quale oggi rendo omaggio alla sua memoria.

Pierre

Poi fu il turno del Pierre della discoteca "KITIKAKA" di Orbetello tutto marsupio e poco cervello, dotato appunto di un enorme "pacco" costretto in delle braghe attillatissimi, ma in bella evidenza dando sfogo ad un look eccessivo per nascondere la timidezza e la sfiga in quanto si decanta organizzatore di feste faraoniche che puntualmente si rivelano un floop. Il suo slogan che lo ha reso celebre è appunto. "Si vede il marsupio???"
Inoltre la sua vita è tormentata dal fatto di avere una sorella bruttissima, che non risparmia mai di nominare e di diventare soggetto perseguitato dall'eccentrico fratello.

Nando

Nasce Nando l'impresario o meglio, il vero Nando è nato piu' di 50 anni fa'; questo personaggio è il concentrato dell'impresariato nel mondo dello spettacolo, quindi, maneggione in faticabile scout di presunti talenti che custodisce, gelosamente nella sua inseparabile cartella di pelle e numeri di telefono di ballerine che custodisce altrettanto gelosamente nell'impermeabile che indossa per tutte le stagioni; è colui che ha un artista per ogni esigenza e per ogni circostanza, meno che per quella giusta. Ha sempre un occhio puntato sul cellulare per contarne le tacche e quando deve darsi un contegno, o vuole farsi notare compone il numero della mal capitata segretaria, ispiratrice del tormentone. "Robertaaaaaa. saluta tutti ehhhhhhh"

Pio Bove

Con la Lotteria 2001/2002 nacque il macellaio PIO BOVE.
Dispensatore di carne e selvaggina che si trasformavano in improbabili cantanti o attori, sbatte i poveri polli ovunque anche sulle teste dei malcapitati clienti.
Pio Bove è il vero commerciante, imbonitore della clientela che trovandolo simpatico e colorito si distrae sugli acquisti ed il furbo Pio Bove smercia mercanzia a piu' non posso; anche la sua vita è costernata da un infausto destino, quello di verificare ogni tanto con il suo potente pollulare lo stato di salute dell'anziana nonna, in procinto di passare a miglior vita, in compagnia di un tenero avvoltoio sulla spalliera del letto nel più totale disinteresse......

Naomo

NAOMO, soldi, soldi, soldi...
Re incotrastato della Costa Smeralda, sempre con belle donne... ville lussuose... maggiordomi "tutto fare"... sempre alla ricerca del Paradiso... fiscale... ma sempre Paradiso... con un commercialista "improbabile"... e suonerie del cellulare altrettanto "improbabilissime"...
Insomma un personaggio unico!

"Ehi ciccio... datti pazienza... ma che scherzi davvero, sono il numero uno!"

Ficus

Adoro, adoro... FICUS.

Il grande attore dallo sguardo penetrante... di rara bellezza... protagonista di soap, film, fiction... OVVIAMENTE... MAI GIRATE...
Colui che tutti i grandi attori... non conoscono... ma data la sua ridicolaggine lo trovano... semplicemente... ADORABILE!

Sei bellissimo, sei bellissimo...

Luingi

Luingi il maestro di ballo finto-brasiliano, che si professa brasiliano di nascita con i suoi Natali nella mitica "Scandingi in provincia di Firengi".

Lello Splendor

Il primo personaggio che creai fu Lello Splendor un vero ciclone che irrompe nelle trasmissioni televisive imponendo i suoi improbabili cruciverba.
Lo definirei un fomentatore di folle,
che a sua volta si compiace di ciò,
il suo slogan e/o tormentone ricorrente è "In mezz' avvoi".

Signora Italia

Dopo questo poetico personaggio è nata la maestra, "per definizione", nella nobile arte della mal dicenza e del pettegolezzo: la Sig.ra Italia, la quale riesce a dare il meglio si se dalla Parrucchiera dove impera l'altruismo nel senso che ci fanno solo i fatti altrui.

Raperino

Con l'arrivo dell'estate al calar del sole, mi trovai ad osservare le panchine di alcuni giardini pubblici, che si popolavano di anziani in cerca di compagnia e di una boccata d'aria fresca, rimasi affascinato dai loro racconti, dalla loro saggezza e dal loro sarcasmo, le loro rughe erano i segni evidenti della vita passata ed i loro sguardi tristi segnati dal loro presente e dal futuro, lì ebbi l'ispirazione di portare simbolicamente in scena uno di loro, e nacque infatti l'anziano RAPERINO, ed a proposito di questo personaggio, vorrei indurvi, senza retorica, ad un'attenta riflessione: gli anziani sono la nostra memoria storica e sono patrimonio di tutti noi.dunque.AMIAMOLI.

Sirvano

Sirvano il commentatore da bar dei fatti della vita con il suo tormentone/intercalare "Vaia... Vaia..."